Logo Comune San Paolo d'argon   Comune di San Paolo d'Argon

Servizi demografici

STATISTICHE

Andamento popolazione residente anno 2017

 Movimento della popolazione, distribuzione per classi di età, provenienza dei cittadini stranieri ed altre elaborazioni sull'evoluzione demografica d'Italia.

http://www.tuttitalia.it/lombardia/63-san-paolo-d-argon/

Ultimi aggiornamenti

http://demo.istat.it

ABITARE

ISTRUZIONI PER PRESENTAZIONE DICHIARAZIONE DI RESIDENZA

 DECRETO-LEGGE 28 marzo 2014, n. 47   Misure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo2015.

Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non puo' chiedere la residenza ne' l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge.

In applicazione di tali disposizioni, ai fini della ricevibilità delle dichiarazioni di residenza si forniscono di seguito le indicazioni in merito alla modulistica da allegare alla dichiarazione stessa:

ALLEGATI

  Dichiarazioni cambio di residenza       

Riduzione dei tempi per il cambio di residenza:  in vigore dal 25 settembre 2012 il D.P.R. n.154/2012 in materia di variazioni anagrafiche (G.U. n. 211 del 10 settembre 2012).

REQUISITI

  • La registrazione delle dichiarazioni deve essere effettuata dall'Ufficiale d'anagrafe entro i due giorni lavorativi successivi alla presentazione solo chi ha già effettuato il trasloco presso la nuova dimora e vi abiti stabilmente.
  • Le dichiarazioni anagrafiche e delle corrispondenti cancellazioni decorrono dalla data di presentazione della domanda;
  • L'Ufficio Anagrafe provvederà entro 45 giorni ad accertare la sussistenza dei requisiti relativi all'iscrizione anagrafica e al cambiamento di abitazione. Trascorso tale termine, senza che siano pervenute comunicazioni negative, quanto dichiarato si considera  conforme alla situazione di fatto in essere alla data della dichiarazione.

L’eventuale esito negativo dei controlli comporterà il ripristino della situazione anagrafica presente all'atto della dichiarazione e l'interessato sarà cancellato dall'anagrafe.

Modulo di iscrizione

allegato A : documentazione necessaria per l’iscrizione anagrafica di cittadini di Stati non appartenenti all’Unione Europea.

allegato B : documentazione necessaria per l’iscrizione anagrafica di cittadini di Stati  appartenenti all’Unione Europea.

Modulo di cancellazione

     

  • versamento sul c/c postale n. 67422808 di € 42.50 intestato al MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DIPARTIMENTO DEL TESORO con causale “Importo per il rilascio del passaporto elettronico”.
  •  Vi consigliamo di utilizzare i bollettini pre-compilati distribuiti dagli uffici postali.
  • Per il rilascio di nuovo passaporto, a causa di deterioramento o scadenza di validità , con la documentazione deve essere consegnato il vecchio passaporto.
  • Ricordiamo infine di portare con sé anche la stampa della ricevuta che viene inviata dal sistema dopo la registrazione al sito Agenda passaporto
  • Ricordiamo che gli importi da versare per il rilascio del passaporto per un minore (bollettino di C/C e contrassegno telematico) sono gli stessi dei maggiorenni. 
  • Modulo per il rilascio
 
Consultare il sito della polizia di stato per ulteriori informazioni.

Minori in viaggio   

Per ulteriori informazioni CLICCARE QUI.

 

IDENTITÀ PERSONALE

Servizio autocertificazione

Come previsto dalla Legge 15.05.1997 n. 127 (Legge Bassanini) e dal D.P.R. 445/2000, tutte le certificazioni da presentare ad una Pubblica Amministrazione possono essere sostituite con autocertificazione (su un semplice foglio e firmate dall'interessato) senza oneri di spesa né di autenticazione di firma.
I certificati che contengono informazioni non modificabili nel tempo (nascita, morte, titolo di studio, ecc.) non hanno scadenza; tutti gli altri certificati hanno validità di sei mesi.
L’autocertificazione sostituisce a tutti gli effetti ed a titolo definitivo certificazioni amministrative relative a stati, qualità personali e fatti e permette di sbrigare tutte le pratiche direttamente presso l’Ufficio che richiede i relativi certificati.
Anche i privati possono accettare l’autocertificazione (ma non sono obbligati).
Possono essere effettuati controlli sulla veridicità del contenuto della dichiarazione. Qualora dagli stessi emergessero dati non corrispondenti a verità, il dichiarante decade dai benefici ottenuti.

Si possono autocertificare:

  • Tutti i certificati anagrafici e di stato civile
  • Residenza
  • Stato libero
  • Nascita del figlio
  • Decesso del coniuge
  • Esistenza in vita
  • Stato di famiglia
  • Vedovanza
  • Data e luogo di nascita
  • Godimento dei diritti politici
  • Cittadinanza
  • Matrimonio
  • Decesso del figlio/a
  • Decesso del padre o della madre


Inoltre si possono dichiarare le seguenti situazioni:

  • Titolo di studio
  • Titolo di specializzazione o di abilitazione
  • Titolo di formazione, di aggiornamento
  • Titolo di qualificazione tecnica
  • Esami sostenuti
  • Posizione reddituale ed economica
  • Posizione contributiva
  • Codice fiscale e partita IVA
  • Altri dati presenti nell’anagrafe tributaria e inerenti il dichiarante
  • Qualità di legale rappresentante, curatore, tutore e simili
  • Iscrizione presso associazioni di qualsiasi tipo
  • Qualifica professionale
  • Condizione di casalinga
  • Condizione di studente
  • Nucleo familiare
  • Esistenza o meno di persone a carico
  • Inesistenza di condanne penali
  • Posizione agli effetti degli obblighi militari
  • Tutti i dati a diretta conoscenza dell’interessato contenuti nei registri di Stato Civile
  • Iscrizione in albi tenuti dalla Pubblica Amministrazione
  • Stato di pensionato e categoria di pensione
  • Stato di disoccupazione.

Modulo per l'autocertificazione  

Modulo per la richiesta di certificati

Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà

Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà (da presentare a privati o ad enti pubblici o gestori di pubblici servizi per la riscossione di benefici economici

Autocertificazione di residenza storico

 

INFORMAZIONI

Cittadini stranieri: Scaricabile in più lingue la Guida "In Italia in Regola"

COSA FARE PER .........

Dichiarare la morte di un familiare

La dichiarazione di morte va presentata entro 24 ore dal decesso all’Ufficiale di Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso.

COME e DOVE

Nel caso il decesso avvenga in casa, un familiare od altra persona deve presentarsi munito di documento di identità e la Scheda Istat rilasciati dal medico curante. Se il decesso avviene in un luogo di cura sarà compito del personale addetto comunicare il fatto all’Ufficio Stato Civile.

 

Cremazione

Coloro i quali decidono, in vita, di scegliere la cremazione devono esprimere la propria volontà nel testamento o con l'iscrizione ad una della tante associazioni che hanno come fine statutario la cremazione degli associati o affidare la propria volontà al coniuge o al parente più prossimo. In quest'ultimo caso, il parente o il congiunto, dovrà presentare una dichiarazione autografa, in base al D.P.R. 28/12/2000 n.445.

Il comune di San Paolo d’Argon è sprovvisto di impianto di cremazione. Pertanto le cremazioni sono effettuate negli impianti del comune di Bergamo.

I costi di detto servizio sono a totale carico del richiedente.

Tutti i relativi adempimenti burocratici sono, di norma, espletati dall'agenzia di pompe funebri incaricata del servizio funebre.

 

Dichiarare la nascita

Quando avviene una nascita è obbligatorio fare la dichiarazione di nascita per la formazione dell’atto di nascita e conseguente iscrizione dell’Anagrafe della popolazione residente..

COME e DOVE

La dichiarazione va fatta dal padre o dalla madre per i genitori uniti in matrimonio, dal padre e dalla madre congiuntamente per i genitori non uniti in matrimonio, o da chi ha assistito al parto, entro tre giorni presso la Direzione Sanitaria dell’Ospedale o della Casa di Cura dove è avvenuta la nascita; entro dieci giorni presso l’Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza dei genitori o nel Comune dove è avvenuto il parto.

Presentarsi con l’attestazione di nascita rilasciata dal centro di nascita e un documento di riconoscimento all’Ufficio di Stato Civile.

 

Richiedere estratti di nascita, matrimonio, morte

A seconda del tipo, documentano la nascita, il matrimonio o la morte.

COME e DOVE

In genere vanno richiesti al Comune dove si è verificato l’evento o il Comune di residenza di quando si è verificato l’evento.

Il rilascio è immediato e gratuito. Gli estratti di nascita e morte hanno validità illimitata; quello di matrimonio vale sei mesi, ma può essere utilizzato anche dopo la scadenza se l’interessato dichiara in calce che le condizioni sono immutate. Rivolgersi all’Ufficio di Stato Civile.

 Richiedere il certificato di cittadinanza

Attesta lo status di cittadino della persona residente.

COME e DOVE

Rivolgersi all’Ufficio Anagrafe; il rilascio è immediato. I cittadini stranieri debbono chiederlo al proprio Consolato.
Il certificato ha validità sei mesi; può essere presentato anche dopo tale termine se l’interessato dichiara per iscritto che lo stato non è mutato.

 

Richiedere la cittadinanza italiana

Possono fare richiesta della cittadinanza italiana: i cittadini stranieri sposati con cittadini italiani; i cittadini stranieri di stirpe italiana, sempre che non abbiano rinunciato alla cittadinanza italiana; i cittadini stranieri residenti da almeno dieci anni nel territorio italiano (cinque anni se rifugiati politici e quattro anni se cittadini appartenenti alla Comunità Europea).

COME e DOVE

Presentarsi presso la Prefettura di Bergamo, Ufficio Cittadinanza – Via Tasso, 8 - Centralino Tel. 035 276111.

Richiedere le pubblicazioni di matrimonio

La richiesta di pubblicazioni per matrimonio civile o religioso va fatta nel Comune in cui uno od entrambi gli interessati hanno la residenza.

COME e DOVE

I documenti occorrenti per le pubblicazioni matrimoniali vengono acquisiti direttamente dall’Ufficio dello Stato Civile per entrambi i richiedenti, presentando semplicemente la carta d’identità.

Le Pubblicazioni di Matrimonio si possono richiedere durante gli orari di apertura dell’Ufficio dello Stato Civile.

NOTE: per i documenti religiosi occorre informarsi presso il parroco.

Il matrimonio può essere contratto con rito civile o rito religioso.

- Rito Civile: i due nubendi devono presentarsi negli orari di apertura al pubblico 2 mesi prima della data del matrimonio presso l’Ufficio dello Stato Civile del Comune di residenza di uno degli interessati muniti di documento identificativo per la richiesta di pubblicazione.

Le pubblicazioni hanno validità di 6 mesi; pertanto il matrimonio deve essere celebrato entro questo termine, altrimenti bisogna procedere a nuove pubblicazioni.

- Rito Religioso: la pubblicazione segue le stesse regole del matrimonio civile, oltre al documento identificativo i nubendi devono presentarsi con la richiesta di pubblicazione religiosa. Verrà poi rilasciato il nulla-osta alla celebrazione del matrimonio che verrà consegnato al Ministro di culto (Parroco).

 

 

 

Valid XHTML 1.0 Strict